Blog Esperienze del corso Pensieri personali

Scoprire a 45 anni che la sorellanza esiste

Galeotto fù quel Master.

Non sono mai stata ipocrita, quindi, lo dico fuori dai denti, non sono mai riuscita a trovare riscontro nella dimensione dell’unione femminile. Chiamatela come più vi piace: sorellanza o sisterhood.

Mi sono sempre trovata in situazioni scomode, in cui si innescavano meccanismi di rivalsa, di conflitto,  di competizione che sfociavano in tentativi di emarginazione ed oscuramento fino a sfiorare il vano tentativo di umiliazione. Ho sempre lasciato cadere nel vuoto questi atteggiamenti, cosa che infastidiva ancora di più. Mai sentita a mio agio in un gruppo di donne perché tali meccanismi scaturivano in me una profonda noia, non ho mai accolto la competizione per rivalsa o un confrontarsi fine a se stesso. L’ho sempre trovato assolutamente inutile, da ogni punto di vista lo guardassi.
Da giovane semplicemente me ne andavo allontanandomi, con il tempo me ne stavo alla larga in partenza, disillusa totale.

Ormai prevenuta ma sempre aperta nei confronti del prossimo mi sono ritrovata in un gruppo tutto al femminile nel mio percorso di Master del coaching delle relazioni.

E’ stata una rivelazione più che una sorpresa. Un plus al Master a cui non rinuncerei, di cui sono profondamente grata e che mi è immensamente mancato durante il lockdown.

Un gruppo del tutto eterogeneo ma composto di donne con un valore interiore elevatissimo.
Intelligenti, forti, aperte di testa e di cuore, focalizzate, equilibrate, sensibili, empatiche, accoglienti. Lanciatissime nella propria crescita personale.

Non rientriamo in quella che è la definizione più classica di sorellanza, non abbiamo creato un gruppo con l’intenzione di avviare un vero e proprio cambiamento sociale. Ma siamo tutte presenti, pronte al sostegno del cambiamento e della crescita personale e individuale di ognuna. Si trae insegnamento dalle rispettive esperienze, perché ognuna di noi può apportare un contributo.  

Io ci definisco le “pon pon ladies”, non dovrebbe essere proprio questa la base  della definizione di sorellanza?

Non c’è bisogno di essere in contatto costantemente o quotidianamente perché ognuna di noi sa che per qualsiasi difficoltà, dubbio o condivisione di successo basta un semplice messaggio. Nessuna competizione, nessuna rivalsa, nessuna invidia. Commenti e suggerimenti sono mirati alla crescita reciproca, un gruppo tutto al femminile centrato sulla stima, la fiducia e la considerazione.

Una dinamica relazionale estremamente potente.

Se solo 8 mesi fà qualcuno mi avesse predetto una situazione futura simile l’avrei trovata a dir poco assurda, probabilmente avrei riso.

Eppure… Come sempre la vita ci sorprende, basta saperla accogliere.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.