Blog Serie TV

Freud

Chi non conosce o non ha mia sentito nominare Freud?

Per quei pochi che non lo conoscessero è stato un neurologo, psicoanalista e filosofo austriaco, fondatore della psicoanalisi tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900.

Una figura contrastante e spesso discussa, ma che ancora oggi è oggetto di studio e si riporta come punto di partenza teorico.

Non si tratta assolutamente di una serie biografica, ha accenni reali e la ricostruzione storica è precisa, ma la trama è di fantasia e il personaggio diventa in più punti una caricatura.

Ho apprezzato questa serie sotto molti aspetti ma la descrizione del rapporto crescente tra Freud e la sua paziente Fleur colpisce e fa riflettere.

Lei, giovane, sensuale, delicata, succube della madre, circondata da un velo di mistero grazie alle sue doti medianiche non può che catturare l’attenzione di un giovane intraprendete affascinato dai complessi processi della mente e della natura umana.

È interessante focalizzarsi sul loro rapporto, su quanto diventi morboso per lui e dipendente per lei, su un percorso che arriva all’apice e che termina con un allontanamento volontario. Si può utilizzare come analogia per rapporti vissuti in prima persona o attraverso il vissuto di altri, magari non esasperato come descritto nella serie, ma esistono ed è facilmente riconoscibile.

Interessante anche la figura della futura moglie di Freud. Per tutta la stagione è solo una presenza, un lontano punto di riferimento per lui, ma alla fine sarà proprio lei con il suo amore pragmatico e consapevole a riequilibrare la vita di entrambi. Anche in questo caso si possono riconoscere meccanismi aderenti alla realtà.

Una sua frase finale mi ha fatto sorridere, nel momento in cui lui le confessa il tradimento lei rimane impassibile rispondendo leggera:

Sigmund, voi uomini date troppo potere ai vostri genitali!

E non è spesso così?!?

In questa frase vi è racchiuso il perno su cui si sono basati tutti gli studi del reale Freud e una realtà a cui siamo ormai abituati.

Ma soprattutto, avete trovato punti in comune con una o entrambe le donne?

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.