Blog Coaching

Come evitare di autosabotare la tua relazione

Le relazioni romantiche offrono alcune delle più grandi gioie della vita ma possono anche causare grande dolore. Mentre ci apriamo a un’altra persona, ci rendiamo vulnerabili al rifiuto e all’abbandono, alimentando così alcune delle nostre più profonde insicurezze. Per molti, specialmente quelli che hanno sperimentato traumi infantili o relazioni familiari instabili, tali insicurezze possono portare a comportamenti auto-sabotatori.

La psicoterapeuta Mercedes Coffman, MFT(Marriage and Family Therapy), si riferisce al concetto di memoria emotiva per capire perché questo si verifica: “Anche se potremmo non ricordare certe prime esperienze nella vita, la nostra memoria emotiva è spesso ciò che innesca un senso di profondo dolore nelle relazioni romantiche, manifestandosi con una reazione apparentemente eccessiva agli altri, e talvolta anche a noi stessi. Questo può farci auto-sabotare una relazione che avrebbe potuto avere il potenziale per crescere in qualcosa di meraviglioso“.

Fortunatamente, abbiamo una scelta. Possiamo assecondare il dolore del passato e rischiare di innescare comportamenti auto-sabotatori, oppure, possiamo scegliere di vedere la relazione come un’ opportunità per poter lavorare su noi stessi riparando vecchie ferite.

Ecco alcuni suggerimenti per evitare di cadere in quella trappola:

1. Comprendere il proprio modello di attaccamento.

Quando si verificano difficoltà, è utile comprendere il nostro modello di attaccamento.
Le persone escono dalla loro famiglia di origine con un imprinting di come si attaccano agli altri”, dice la terapeuta della relazione Rhonda Milrad, LCSW (Licensed Clinical Social Worker). “Questo modello di attaccamento si ripropone in ogni loro relazione. Per le persone che hanno subito traumi, abbandono, anaffetivi, ecc., spesso da adulti sviluppano un modello di attaccamenti insicuro in cui hanno difficoltà a fidarsi delle relazioni”. Spiega che più qualcuno è vicino a un’altra persona, maggiore è la probabilità che il loro modello di attaccamento possa essere messo in discussione e che le tensioni andranno ad alimentare la parte peggiore dell’emotività come la gelosia e la rabbia, che spesso portando a un comportamento auto-sabotaggio.

Il modo in cui i nostri genitori ci hanno risposto come neonati e bambini ha un profondo impatto su come sviluppiamo e cresciamo, in particolare nel modo in cui vediamo noi stessi e vediamo gli altri“, dice la psicologa clinica Lisa Herman. “L’attenzione di un genitore negli anni di infanzia potrebbe essere stata calda e attenta un momento, ma fredda o distaccata in altri momenti. Facendo così il bambino non può prevedere cosa accadrà perdendo sicurezza, riportandola nelle relazioni future“.
Questo può portare alla necessità di una quantità eccessiva di rassicurazione, che può esaurire un partner. Milrad però riconosce che questo non è permanente: molte persone possono ri-lavorare sul modello di attaccamento in età adulta.

2. Identificare i triggers.

Il terapeuta del matrimonio e della famiglia Shadeen Francis suggerisce di fare il Diario sulle esperienze delle tue relazioni in modo da individuare quali situazioni innescano il comportamento di auto-sabotaggio. Compilatelo chiedendovi:
Cosa stava succedendo?
Cosa provai in quel momento?
Di cosa avevo paura?
Quanto è stata plausibile la mia paura rispetto alla realtà dei fatti?
Quanto ha inciso il mio comportamento di auto-sabotaggio sul risultato? “Porti queste domande“, continua Shadeen, “può aiutarti a trovare i triggers nel tuo comportamento e iniziare a esplorare la tua vulnerabilità“. Avere la consapevolezza di ciò che innesca questi comportamenti può prepararci per gli inevitabili conflitti che sorgono.

3. Sii consapevole del tuo comportamento.

L’insicurezza nelle relazioni è inevitabile, “perché tutti hanno problemi su cui lavorare“, dice la psicoterapeuta Marina Lenderman, LCSW (Licensed Clinical Social Worker).”E ‘fondamentale sapere quali siano i vostri. La consapevolezza viene con il comportamento. Se opti spesso per dei conflitti o inizi a incolpare il tuo partner, hai perduto la consapevolezza in partenza. Entrambe i partner hanno un ruolo nel conflitto, quindi è importante essere consapevoli di quanto si è responsabili.”

Milrad descrive la necessità di sviluppare un “ego osservante” che può aiutarti a identificare quando il tuo partner agisce in risposta ai tuoi comportamenti  di insicurezza, anche inconsciamente. (Per esempio, riconosco che mi sento insicuro circa la relazione quando comincio a pensare che il mio partner mi tradisca, o controllo il loro telefono.) “Con questa intuizione, una persona può quindi fermare i comportamenti, imparare a tollerare il disagio e impegnarsi in un comportamento alternativo e più sano.

4. Scindere il passato dal presente.

C’è un detto americano, “If it’s hysterical, it’s historical”, il che significa che le nostre forti reazioni emotive possono essere i nostri migliori indizi per ciò che è rimasto in sospeso del nostro passato. La prossima volta che si verifica una reazione che si sospetta possa essere sproporzionata rispetto a quello che si identifica come l’evento scatenante, prendetevi un momento di pausa prima di rispondere. Lenderman suggerisce di chiedersi: “Quanto sto rivivendo il passato, e quanto è davvero presente?” Potremmo non sempre conoscere la risposta, ma semplicemente considerando la possibilità, ci avviciniamo a modelli di comportamento sani.

5. Imparare a comunicare.

Se i  comportamenti sopraelencati continuano a sorgere, potrebbe essere utile parlarne con il proprio partner. Vediamolo come una risorsa, in quanto potrebbe aiutarti a sottolineare i comportamenti auto-sabotatori man mano che si presentano.

6. Praticare la cura di sé e la compassione per sé.

Infine, come la maggior parte di noi già sa, senza amore di sé non può esserci vero amore per un altro, almeno non il tipo che porta a relazioni sane e amorevoli. Coltivare l’autocompassione è essenziale per coloro che devono lottare con una bassa autostima, specialmente quando questo si manifesta nelle relazioni.
Cercate aiuto in una persona esterna  come un coach o un terapeuta. Essenziale per iniziare la guarigione dalle ferite del passato, trovare l’accettazione di sé e avvicinarsi all’amore duraturo e appagante.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.